Pagine

che rabbia!

"mamma! mamma! nieni! presto!"  (vieni! presto!? ma dove l'ha sentita questa?)
"che c'è core de mamma? la mamma oggi è tanto stanca...ti va se giochiamo un po' insieme sul letto? anzi. tu ti spari una mezz'ora di cartoni animati e la mamma si accascia vicino a te cercando di smaltire quei 4 cocktail assassini che s'è bevuta ieri sera e quella notte di sesso sfrenato che si è concessa dopo mesi e mesi e mesi (...e mesi!) di astinenza"
"mamma! roberto fa fffffffffffuuuuuuuuu e sputa fori un motto gaaaaaaande!!! roooooooosssooooooo!"
"eh? roberto? ma chi è? un mostro grande e rosso?ma chi te l'ha detto?"
"alla scuola dei bimbi"
"ALL'ASILO? un mostro grande e ROSSO che esce dalla bocca di roberto? ODDIO! le maestre hanno picchiato 'sto povero roberto e questo ha sboccato sangue! AAAAAAAAAAHHHHHHHH!"

keep calm
no, dai. ma ti pare che al nido gonfiano i bambini come le zampogne? oddio, se ne sentono tante eh! oh cazzo. ho portato mio figlio in un covo di serial killer. chi sarà il prossimo ad essere corcato?
vabbè. cerchiamo di indagare ma con calma e tatto.

"buongiorno signora! Leonardo oggi è stato bravissimo come sempre e a pranzo ha mangiato tutto"
"ah si? e voi come ricompensa j'avete menato immagino!!!"
"come?"
"senta, mio figlio mi ha raccontato tutto.è inutile che venite qui con questa faccia da tata lucia! dov'è Roberto? eh? avete occultato il cadavere seppellendolo sotto lo scivolo? e i genitori lo sanno?"
"ma..."
"siiiiii!!! dov'è quella povera anima innocente che sputa dalla bocca un mostro enorme rosso sangue!!!"



(questa è la storia di Roberto, un bambino che ha passato una bruttissima giornata e che appena arrivato a casa litiga con il papà, non vuole mangiare gli spinaci e si arrabbia tantissimo. si arrabbia talmente tanto che la rabbia gli esce fuori dalla bocca sotto forma di un grosso scimmione rosso. La rabbia diventa una “cosa”, che gli parla. Il mostro è vivo e che si sfoga mettendo disordine nella sua cameretta, giocattoli compresi. Poi via via si fa più piccola e Roberto, il bambino, la chiude in una scatolina e torna finalmente tranquillo e disponibile.)

P.S: questa è la storia che le educatrici leggono ai bambini questa settimana prima di pranzare.
questo post, è frutto di una mia personale rielaborazione e contiene un sacco di cazzate  :)



11 commenti:

  1. per quanto la rielaborazione sia piena di cazzate è bella cruda la storielinna pre-pasto...

    francy

    RispondiElimina
  2. il libro è bellissimo: "insegna" ai bimbi come gestire le proprie emozioni.

    RispondiElimina
  3. ahahahahah, magari fatti avvisare in tempo sulle nuove opere letterarie pre-pasto! il libro però mi ispira molto!
    passa qui che ti ho premiata! :) http://ahsonounamamma.blogspot.it/2012/09/omg-un-premio.html

    RispondiElimina
  4. Tra le cazzate speriamo non ci sia la notte di sesso sfrenato!!!!! :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il sesso e i cocktail sono VERISSIMI!!! :)

      Elimina
    2. Questo è l'importante!!!!! :-)))))))))))))))))))))))

      Elimina
    3. Concordo, specie x il sesso!

      Elimina
  5. mi rintrufolo per dirti che da me ci sono dei premi...se ti va...

    francy

    RispondiElimina
  6. Bè, almeno tu te la sei immaginata e basta, la scenatina alle maestre. E ci ridiamo su!
    C'è gente che per molto meno ha fatto moooolto peggio...

    RispondiElimina
  7. E cmq... Non sono proprio sicura sicura che insegnare ai bambini a "non arrabbiarsi" sia giusto. Nel senso, chiaro che la rabbia vada gestita... Ma eliminata? A volte é giustificata, anche nei bimbi... Mah, sono un po' indecisa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel libro effettivamente il "mostro rosso" della rabbia viene trasformato in "piccolo piccolo" e chiuso dal bambino in una scatola.
      mi sembra più un ridimensionare che eliminare.

      Elimina